Le più belle frasi di TupacRaccolta completa

Tupac Amaru Shakur è stato un rapper statunitense, conosciuto anche con lo psdeonimo di 2Pac e Makaveli, nato a New York il 16 giugno 1971 e morto, tragicamente a Las Vegas il 13 settembre 1996, quando fu colpito da quattro proiettili. Tupac è stato un’artista di grande successo ad oggi è considerato uno dei rapper più influenti degli ultimi tempi; ha venduto oltre 85 milioni di dischi in tutto il mondo. Tra i tanti album pubblicati possiamo ricordare “All Eyez on me” e “Gratest Hits”, entrambi pubblicati dopo la sua morte, questi due album sono i più venduti negli Stati Uniti d’America. Tantissimi dei suoi brani trattavano argomenti come il razzismo e l’emarginazione sociale, l’abuso di potere delle forze dell’ordine, la corruzione delle istituzioni e anche gli scontri con altri rapper, l’alcolismo, la droga, la prostituzione e la violenza tra le bande di strada dei ghetti. Possiamo confermare che Tupac è, ancora oggi, un punto di riferimento per la Black America, sopratutto grazie al suo atteggiamento sia dentro al suo modo di cantare che fuori. La rivista “Rolling Stone” ha inserito Tupac all’86° posto nella classifica dei 100 Migliori artisti di sempre.

Con questa categoria vogliamo ricordare questo artista, morto così tragicamente e sicuramente fin troppo giovane per morire, con una raccolta delle più belle frasi di Tupac .






Frasi di Tupac

Only God can judge me!
Solo Dio può giudicarmi!
(Tupac)

Ognuno di noi è in guerra con qualcosa… A volte io sono in guerra col mio cuore.
(Tupac)

Sono pazzo, ma sai un’altra cosa: Non me ne frega un cazzo.
(Tupac)

In generale, io non ho amici. Gli amici vanno e vengono; io ho perso la fiducia. Io credo di stare con persone che credono di essere miei amici. E io penso che ci siano persone che probabilmente nel loro cuore credono di provare amicizia nei miei confronti o essere miei amici. Ma loro non sono miei amici, perché quello che ho imparato è che la paura è più forte dell’amore.
(Tupac)

Un codardo muore un migliaio di volte. Un soldato muore, ma una sola volta.
(Tupac)

Alcune persone dicono che fossi un thug o un gangsta. Altre persone probabilmente mi ricordano come un poeta o un leader nato. Ma io dico di misurare un uomo dalla totalità delle sue azioni, compiute attraverso tutta la sua vita, dall’inizio alla fine.
(Tupac)

Io non ho paura della morte. La mia unica paura è di reincarnarmi.
(Tupac)

Le guerre vanno e vengono, ma i miei soldati vivono in eterno.
(Tupac)

Non si tratta dell’Est o dell’Ovest. Si tratta di negri e puttane, di potere e soldi, di ciclisti e teppisti. Tu da che parte stai?
(Tupac)

Con la mia morte la gente capirà di cosa stavo parlando.
(Tupac)

Tutti i negri buoni, tutti i negri che cambiano il mondo, muoiono in modo violento. Loro non muoiono in maniera regolare.
(Tupac)

Non ho introdotto l’ America alla Thug Life. La Thug Life è l’ America. Non capisco perché l’intero mondo mi teme. Sono spaventato, ma fanno così. È come se stessi avendo un attacco di panico perché ho 15.000 persone che vogliono fare quello che voglio, facendo una lista di tutto quello che dico.
(Tupac)

Sono 100% originale, ed è ciò che m’ha portato fino a qui. Il mio rap è più comprensibile, più lento. Racconta una storia. Puoi scrivere un libro su ognuno dei miei pensieri.
(Tupac)

Dai un’occhiata ai suggerimenti di seguito oppure continua per leggere le altre frasi!




Dovrebbe esserci una lezione sull’ apertheid. Dovrebbe esserci una lezione sul perché la gente è affamata, ma non ci sono. Ci sono lezioni su… la ginnastica. Educazione fisica.
(Tupac)

Sono stato cresciuto in questa società, perciò non c’è modo di aspettarsi che io sia una persona perfetta, ho intenzione di fare tutto quel che mi pare, non sono un rolemodel.
(Tupac)

Le M&M’s gialle non si muovono con quelle verdi. Intendo, non metti noccioline M&M’s con cioccolatini M&M’s.
(Tupac)

Per me, sono il negro più duro là fuori perché sono vero, piango quando ne ho bisogno ma sono vero.
(Tupac)

Le mie prime parole furono thug per la vita e papà passa il mic.
(Tupac)

Dannazione, no. Non c’è nessuno negli affari abbastanza forte da spaventarmi.
(Tupac)

16 giugno, 1971, una madre ha messo al mondo un figlio che veniva all’Inferno.
(Tupac)

Beh, nei primi due giorni in prigione, sono dovuto passare attraverso quello che è la vita, come quando hai fumato erba così tanto quanto l’ho fatto io e dopo smetti. Emotivamente, è stato come se non sapevo chi fossi.
(Tupac)

Quando morirò e verranno per me, seppellitemi da Gangster.
(Tupac)

Cosa c’è da dire a proposito della fama? Tutti sanno il tuo nome: non sarai più solo.
(Tupac)

Le persone mi hanno reso il più grande baller dalla testa di crack che ero perciò se sono cattivo è a causa della Baia e se sono buono è a causa della Baia.
(Tupac)

Credo di essere un leader nato.
(Tupac)

Un codardo muore un migliaio di volte. Un soldato muore, ma una sola volta.
(Tupac)

Sono 100% originale, ed è ciò che m’ha portato fino a qui. Il mio rap è più comprensibile, più lento.
Racconta una storia.
Puoi scrivere un libro su ognuno dei miei pensieri.
(Tupac)

Io non ho paura della morte.
La mia unica paura è di reincarnarmi.
(Tupac)

La realtà è sbagliata. I sogni sono veri.
(Tupac)

Puoi spendere minuti, ore, giorni, settimane o persino mesi ad analizzare una situazione,
cercando di mettere insieme i pezzi…
giustificando cosa sarebbe potuto accadere o cosa sarebbe stato giusto che accadesse.
Oppure puoi semplicemente lasciare i pezzi sul pavimento ed andare fottutamente avanti.
(Tupac)

Una volta ho pensato al suicidio, e avrei provato…
ma quando avevo in mano quella nove millimetri…
Tutto quello che riuscivo a vedere erano gli occhi di mia mamma.
(Tupac)

Dannazione, no. Non c’è nessuno negli affari abbastanza forte da spaventarmi.
(Hell, no. There’s nobody in the business strong enough to scare me).
(Tupac)

Le guerre vanno e vengono, ma i miei soldati vivono in eterno.
(Tupac)

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.