Le più belle Frasi e citazioni dal libro e dal film “La ragazza nella nebbia”

Un fantastico romanzo thriller, di Donato Carrisi uno scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano, vincitore del Premio Bancarella nel 2009 con Il suggeritore.

La ragazza nella nebbia ha il merito di raccontare il nostro tritacarne mediatico quasi quotidiano attraverso una storia paradossale, come spesso devono essere le storie esemplari, che si legge di un fiato e lascia dietro di sé un retrogusto amaro. Basterebbe un aggettivo per definire le qualità davvero uniche di Carrisi.
La ragazza nella nebbia è un thriller ottimamente congegnato, dall’atmosfera cupa e angosciosa.
I colpi di scena arrivano con perfetto tempismo e dopo un’adeguata preparazione.
Ogni personaggio ha quel giusto filo di ambiguità e di mistero che confonde le acque.
Donato Carrisi dal suo ultimo bestseller La ragazza nella nebbia (ed Tea, 2015) è nato l’omonimo film che egli stesso ha deciso di girare siglando così il suo esordio in regia.
Produzione importante (la Colorado di Totti e Usai), distribuzione glamour (Medusa) e un cast di attori straordinari (Toni Servillo, Alessio Boni, Lorenzo Richelmy, Galatea Ranzi, Michela Cescon e Jean Reno) tutti rapiti dal testo ma anche dalla limpida consapevolezza di questo autore, unanimemente considerato il principale scrittore di thriller italiano nel mondo con oltre 2,5 milioni di copie vendute dei suoi sei romanzi tradotti in 24 lingue.
“Non c’è un’arma, non c’è violenza, non c’è un cadavere.
Come si fa a creare un thriller senza questi oggetti?
Il sogno più bello nella vita è la risata di un bambino, tranne se la senti di notte, sei solo in casa e non hai figli”.

Donato Carrisi ha le idee chiarissime mentre elabora ad alta voce i meccanismi che inducono l’essere umano a provare paura, o quanto meno inquietudine.
Il mistero è nel suo Dna: “me lo diceva fin da piccolo la suora della scuola dove andavo ‘tu Donato hai l’angelo custode cattivo’”.
La ragazza nella nebbia ha trovato la luce nelle sale a il 26 ottobre.
Con il cinema il 44enne scrittore dalla pugliese Martina Franca ha un rapporto viscerale e che parte da lontano: “Da piccolo con mio padre frequentavo il Cinema Teatro Verdi di Martina Franca; entravo a film già iniziati e poi stavo in sala attendendo che ricominciassero da capo: questo mi ha aiutato ad allenare la fantasia per ricostruire le trame, ed è proprio grazie al cinema che ho imparato a creare strutture. Quindi, tutto sommato, sono figlio del cinema!”.

In questa categoria, abbiamo realizzato una raccolta completa con le più belle frasi e citazioni tratte dal libro e dal film La ragazza nella nebbia.






Frasi e citazioni tratte dal libro e il film La ragazza nella nebbia

Il dolore non esiste. Come tutta la gamma delle emozioni umane d’altronde.
È solo questione di chimica. L’amore è questione solo di endorfine.
Con una siringa di Pentothal posso toglierti ogni esigenza affettiva.
Siamo solo macchine di carne.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Era il destino delle notizie essere sepolte vive. In fondo, vogliamo tutti dimenticare.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Ma a volte non capisci chi è il cattivo, il vero mostre di questa storia» diceva. «Moby Dick o il capitano? Perché Achab insiste a cercare qualcosa che non vuole essere trovato?
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Il pedaggio per andare avanti con la propria vita è l’indifferenza.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

La verità è che non abbiamo il tempo per chiederci se i nostri figli sono felici, perché c’è qualcosa di più importante da fare: domandarci se siamo felici noi per loro e assicurarci che i nostri sbagli non gli ricadano addosso
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Era l’effetto della televisione. Era come se le parole, i gesti assumessero una nuova consistenza. Un tempo la tv si limitava a riproporre la realtà, adesso era l’artefice del processo inverso. La rendeva tangibile, consistente. La creava.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Perché – sembrava sciocco anche solo pensarci- la gente non scatta foto nei giorni brutti.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Sbarazzarsi del passato era solo un modo per non dover ammettere il proprio fallimento. E’ il futuro che fra poco tutti avrebbero raccolto con tanta gioia, tempo dodici mesi sarebbe diventato vita inutile da dimenticare.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

E’ sempre strano quando la tua vita si ferma e invece quella degli altri va avanti, pensò. Era così che si sentiva. Bloccato nella propria vita.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Cerchiamo sempre di salvare gli altri per salvare noi stessi, pensò. E forse interpretare il ruolo del marito comprensivo lo aiutava a evitare il proprio dovere di affrontare la verità.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Dai un’occhiata ai suggerimenti di seguito oppure continua per leggere le altre frasi!




“I media sono cattivi, non lo sapeva?” […] “ma in fondo sono anche innocui se li neutralizziamo premendo con un tasto sul telecomando… solo che nessuno lo fa. Siamo tutti troppo curiosi.”
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

La giustizia non fa ascolti, amico mio, la giustizia non interessa a nessuno.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Non aspettare che la nebbia ti inghiotta, perché la nebbia che viene dal mare ha dentro di sé storie che nessuno vorrebbe ascoltare.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

E’ il male il vero motore di ogni racconto: gli eroi e le vittime sono solo uno strumento, perché ai lettori non interessa la vita quotidiana, hanno già la loro.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Ormai collezionava frasi di circostanza.
La più gettonata era: «Coraggio, tuo marito David avrebbe voluto che fossi forte».
Invece avrebbe voluto registrarle tutte per poter poi dimostrare al mondo che esiste qualcosa di peggio dell’indifferenza al dolore altrui: la banalità con cui si cercava di sanarlo.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Alla gente non piace parlare ma, sicuramente, piace essere ascoltata
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Erano soli. Come tanti altri, si potrebbe obiettare. Ma la loro solitudine era diversa.
Gli era cresciuta addosso come una pianta rampicante.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Tutti indossiamo una maschera per nascondere la parte peggiore di noi.
Quella di Eric erano le caramelle alla menta
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Cosa c’è nel fuoco, Michael?»Sul volto del prigioniero apparve un sorriso sinistro. «Tutto ciò che uno vuole vedere.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Una lezione che ho imparato in anni di carriera è che nessuno è davvero interessato alle vittime […]. Tanto che alla fine tutti ricordano sempre solo il nome dei colpevoli, le vittime vengono dimenticate. – Stephanopulos
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)






In fondo, siamo tutti alla ricerca di risposte in un universo parallelo
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Sbarazzarsi del passato era solo un modo per non dover ammettere il proprio fallimento. E il futuro che fra poco tutti avrebbero accolto con tanta gioia, tempo dodici mesi sarebbe diventato vita inutile da dimenticare.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Non ti aiuta sapere come. Non ti serve capire perché. Non ti basta capire chi. Lui è già un passo avanti.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

E’ il cattivo che rende la mediocrità più accettabile, è lui che fa la storia.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Era il destino delle notizie essere sepolte vive. In fondo, vogliamo tutti dimenticare.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Non si nasce mostri. È come con l’amore: ci vuole la persona giusta.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

La verità è che non abbiamo il tempo per chiederci se i nostri figli sono felici, perché c’è qualcosa di più importante da fare: domandarci se siamo felici noi per loro e assicurarci che i nostri sbagli non gli ricadano addosso.
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

La verità non fa notizia
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

Il peccato più sciocco del diavolo è la vanità… Ma, in fondo, che gusto c’è a essere il diavolo se non puoi farlo sapere a nessuno!?
(Donato Carrisi, La ragazza della nebbia)

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.